Tutto quello che non vi hanno detto sul bonus di 80 euro di Renzi

Bonus-80-euro

La grande bufala di Renzi ovvero: Tutto quello che non vi hanno detto sul bonus di 80 euro di Renzi Finalmente vi posso dire come funziona il famoso bonus di Renzi. Innanzi tutto gli 80 euro non sono netti ma lordi, questo vuol dire che nelle tasche effettivamente entreranno circa 65 euro per chi ha un reddito annuo inferiore ai 24000 euro, tale importo diminuisce gradualmente fino ad arrivare a zero per chi supererà il reddito annuo di 26000 euro per l’anno 2014 ed attenzione ho detto 2014 ma siamo solo a maggio del 2014 quindi come fa uno a sapere che reddito avrà a fine anno? Si fa un calcolo previsionale sulla paga della busta paga attuale(imponibile lordo e non il netto) e lo si moltiplica per il numero delle mensilità, 13 per chi ha la tredicesima, 14 per chi ha la quattordicesima Se tale importo è sotto i 24000 euro si avrà il bonus di 80 euro se è sopra i 26000 non si avrà niente, se è tra la fascia 24000 26000 sarà in proporzione Ma chi rientra in quest’ultima categoria potrebbe avere una brutta sorpresa a fine anno, perché solo a fine anno si saprà il vero reddito annuale e se questo dovesse superare i 26000 euro contro la previsione del calcolo attuale, i dipendenti dovranno restituire tutti gli 80 euro per otto mensilità cioè dovranno restituire in un colpo solo 640 euro nella busta paga di dicembre 2014 o comunque dovranno restituire una parte di questo importo se avessero preso tutti gli 80 euro e invece dovessero trovarsi nella fascia 24000/26000. Chi è sotto i 24000 euro penserà di poter essere tranquillo e invece no, perché il bonus non è un premio che spetta a tutti ma è una detrazione solo per chi paga le imposte in busta paga. Proviamo a spiegare: ogni lavoratore ha un importo lordo a cui va detratto il contributo a carico dell’inps, su quello che rimane si calcola l’imposta da pagare, trovata questa cifra che si dovrebbe pagare si ha diritto a delle detrazioni che potrebbero portare a non pagare niente di tasse, una detrazione è fissa e si chiama da lavoro dipendente, poi ci sono le detrazioni per i familiari e quindi il bonus Renzi: chi ha un part time e quindi ha un’imposta bassa da pagare perché guadagna poco e solo con le detrazione da lavoro dipendente va ad azzerare l’imposta non ha diritto al bonus di Renzi. Finito qui? Naturalmente no. Prendiamo uno che ha due rapporti di lavoro a part time, questo corre il rischio di prendere subito il bonus in tutti e due i rapporti di lavoro e quindi nella migliore delle ipotesi ne dovrà restituire sicuramente uno per intero a fine anno ma forse addirittura tutti e due. Poi prendiamo un ragazzo che magari lavora 3 mesi quest’estate; penserà di prendere 80 euro per 3 mesi e invece no perché perché il bonus è annuale cioè è di 640 euro annuali (80 euro per i mesi da maggio a dicembre) e come tale andrà rapportato su 365 giorni, quindi se uno lavora 90 giorni in anno non prenderà 240 euro ma 640 diviso 365 per i giorni che ha lavorato. Infine qualche piccolo suggerimento per chi ci capisce poco di buste paga. Per chi lavora regolarmente da almeno tutto il 2013, controllare sul cud il campo 1 della parte b: se siete vicini alla fascia 24000/26000 siete molto a rischio se avete redditi bassi guardate il campo 101 e sottraete il campo 107 se la differenza è zero non avete diritto al bonus.

Fonte: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2014/05/tutto-quello-che-non-vi-hanno-detto-sul-bonus-di-80-euro-di-renzi.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...