Grazie Equitalia Grazie!

Come potrete leggere una mano ai terremotati dell’Emilia viene da Equitalia che non esita a recapitare le cartelle esattoriali a cittadini già in difficoltà…e meno male che questa è la terra della Cooperazione e del PD. Grazie Equitalia Grazie!

La mannaia di Equitalia sui terremotati
Centinaia di cartelle esattoriali recapitate nella Bassa a imprese e cittadini in difficoltà. La commercialista: «Fermatevi»
di Francesco Dondi

Doveva esserci una frenata o quantomeno un pizzico di comprensione per imprenditori e cittadini terremotati. Lo avevano promesso i politici, c’era effettivamente stato un limitato rallentamento delle cartelle esattoriali, ma negli ultimi giorni centinaia di imperativi di pagamento sono stati recapitati a domicilio nella Bassa ancora in ginocchio. Per la stragrande maggioranza dei casi si tratta di cartelle che fanno seguito ad avvisi bonari dell’Agenzia delle Entrate e che si riferiscono a vicende precedenti al maggio 2012, ma che sono causate indirettamente dal sisma. Perché molti contribuenti, proprio per sistemare casa o la propria azienda, hanno saltato o addirittura sospeso i versamenti mensili necessari a regolarizzarsi con l’Agenzia. E a fronte del mancato pagamento ecco che il debito maturato viene iscritto a ruolo e trasformato in cartella esattoriale da pagare subito e senza rateizzazione.

Chi non ha i soldi per saldare – e sono davvero in tanti, confessano diversi commercialisti – finiscono in un tunnel senza fine. Perché, come prevede la legge, scattano i pignoramenti di ogni proprietà fino al raggiungimento del pareggio del debito. Si inizia con le auto per scendere a pioggia fino ad intaccare le abitazioni, i macchinari produttivi e i capannoni.

Ma se l’iter dell’Agenzia delle Entrate è anche tutto sommato elastico – prima di Equitalia, come si diceva, il contribuente viene raggiunto da un avviso bonario che può rateizzare – quello di Inps e Inail è molto più spedito e crudo: i mancati versamenti finiscono immediatamente iscritti a ruolo e viene attivata da subito Equitalia e con sé il rischio pignoramenti. Tra l’altro Inps sta già elaborando le richieste di saldo del 2013, quindi in piena emergenza terremoto.

Si parla, in sostanza, di centinaia di migliaia di euro che il popolo della Bassa dovrebbe trovare in tempi rapidi per evitare l’umiliazione del pignoramento, ma la situazione economica è ben lontana dall’aver ritrovato una serenità dopo la distruzione del sisma.

«Purtroppo è proprio così – spiega Elena Busi, commercialista di Concordia, punto di riferimento di Sisma.12 sulle questioni fiscali – Ci sono tantissime cartelle esattoriali di Equitalia in arrivo o già consegnate. Nei 16 punti che presentammo per migliorare la ricostruzione ce n’era uno in particolare proprio relativo alle azioni di riscossione forzata. Si disse: non volete concederci agevolazioni fiscali, non vi interessa mettere imprese e cittadini in condizioni di ripartire? Bene, almeno sospendete le cartelle esattoriali per qualche anno. Proponemmo cinque annualità, ci sembrava il periodo minimo per garantire ossigeno a questa terra. Invece non si è concretizzato nulla di tutto ciò e così siamo al collasso del sistema. Perché, lo dico da professionista, se non si fermano qui sarà la fine di tutto».

Fonte:http://gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/2014/10/11/news/la-mannaia-di-equitalia-sui-terremotati-1.10095469

Annunci

2 thoughts on “Grazie Equitalia Grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...