Lo spreco .

libri

Manca un mesetto abbondante all’inizio dell’anno scolastico . Si torna a prendere a mano le classiche cose di routine : libri , astucci , zaini , orari , corriere … insomma , tutto ciò che riprenderà a divenire una costante quotidiana . E mi viene da rimarcare la solita cosa che non mi va giù , che mi urta , che mi da fastidio , che dimostra alla luce del sole quanto sia poco incisiva la rabbia della gente rispetto all’evidente porcata fatta dai nostri governanti : la speculazione sui testi scolastici . Eh si , perché di speculazione si tratta e poche balle .

Noi ci troviamo nell’ingiustificata situazione che un figlio che fa la terza media difficilmente riesce a passare il libri al fratello o all’amico che entra in prima . Perché ogni insegnante vuole i suoi testi . Quindi anche nell’ambito della sezione stessa non riesci a fare opere di riciclo . Riciclo perché i testi spesso sono ancora in buono stato , riciclo perché permetterebbe di non sprecare carta per niente , riciclo anche per evitare quelle spese che in molte famiglie pesano . E allora cavolo , cari i miei docenti e cari i miei governanti , perché dovete fare tanto gli artisti ? Se in Italia le regioni sono venti , lo saranno per qualsiasi testo di geografia . Che Napoleone sia nato ad Ajaccio nel 1769 , lo sarà per ogni testo di storia . Che il magnesio rientri nei “ metalli alcalino ferrosi “ lo sarà per ogni testo di chimica . E allora è chiaro che la logica sarebbe fare un unico testo nazionale . Come è chiaro che mi viene da pensare a “ torte “ e tornaconti fra le case editrici e le “ alte sfere “ . E se questo è un ragionamento ancora fantascientifico per il nostro Stato , possiamo anche rimanere così , ma magari usiamo dei tablet . Penso che sia stato abbastanza ridicolo trovare mia figlia che faceva le medie a Bomporto con degli zaini che pesavano come dei sacchi di cemento ( con magari metà libri inutilizzati ) , per poi avere nell’ultima pagina del diario ( dato dalla scuola ) una nota di un centro fisioterapico , che parlava dei problemi relativi ai pesi sulla schiena . E’ un po come obbligare a mangiare la Nutella per poi sentirsi dire tutte le problematiche da un centro antidiabetico .

Quindi , tornando a noi , devo pensare male ? Devo pensare che non si voglia prendere a mano la questione , per colpa del Dio denaro ? Lo so che in Italia ci sono progetti a riguardo e cioè per andare a scuola col tablet ; ma si sa che da noi tra il dire e il fare c’è di mezzo … l’Oceano . Certo , un insegnante lo può chiamare Oceano , un altro distesa d’acqua , un altro mare , ma ci siamo capiti dai . In questo campo devo anche sollevare una polemica inerente al comportamento di molti genitori ; bravi a sbraitare e a brontolare , ma che una volta a contatto con gli enti competenti fanno “ le orecchie a Cocker “ .

Chi la fa da padrone in questo settore invece è la Scandinavia ; ma si sa , la è un mondo a se . Ci sono tantissimi scandinavi che non sono mai andati in banca o in un ufficio postale a pagare un bollettino : si fa tutto da casa . Altra cosa , non hanno scadenzari per dover mettere le gomme termiche . Si è vero , l’Italia è un altra cosa ; da noi girerebbero con gomme estive lisce tutto l’anno .

Comunque tornando a noi il problema per me c’è , è assurdo e risolvibile . Qualcosa si smuoverà ?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...